Prima di scoprire come far uscire i tuoi addominali, vediamo come sono fatti e quali caratteristiche principali hanno.

I muscoli addominali sono muscoli molto importanti per molte funzioni del nostro corpo.

Questi muscoli collaborano a stabilizzare la colonna vertebrale nei movimenti che effettuiamo durante la giornata, come movimenti di flessione e rotazione del busto. Come possiamo facilmente immaginare, gli addominali lavoreranno più intensamente durante qualsiasi l’attività fisica e in particolare, quegli sport che esasperano i suddetti movimenti.

Permettono la flessione del busto sul bacino oltre ad avere una funzione contenitiva e protettiva delle viscere.

I muscoli dell’addome si dividono in:

  • Retto dell’addome.
  • L’obliquo interno.
  • L’obliquo esterno.
  • Il trasverso dell’addome.
Di seguito ti presento una sommaria descrizione di ogni tipo di muscolo addominale.

Il retto dell’addome.

Muscolo che ha origine nella parte inferiore 5^, 6^, 7^ costola e sul processo xifoideo. Si sviluppa verso il basso e si inserisce nella parte superiore del pube.

E’ un muscolo attraversato da 3-4 tendini, responsabili della tipica forma a “tartaruga” di un addome magro e ben allenato.

I muscoli del retto dell’addome hanno come funzione principale la flessione del busto sul bacino e viceversa. Inoltre permettono l’equilibro del bacino e contraendosi riduco la lordosi lombare.

L’obliquo interno.

Si trova al di sotto dell’addominale obliquo esterno e prende origine dalla linea intermedia della spina iliaca anterosuperiore e dal foglietto profondo della fascia toracolombare. E’ composto da tre parti: caudale, mediale e craniale.

La parte craniale è la più alta e ha origine sulle ultime tre costole (sulla parte di cartilagine per la precisione) mentre la parte mediale forma l’aponeurosi della linea alba, finendo con la parte caudale sul muscolo cremastere.

L’obliquo esterno.

L’obliquo esterno prende origine sulla parte esterna delle ultime 8 costole e si inserisce sul labbro esterno della cresta iliaca, sul pube, sulla sinfisi pubica, sul processo xifoideo e sulla linea alba.

Questi muscoli permettono la flessione e l’inclinazione laterale del torace. Inoltre può ruotare il busto dal lato opposto.

Il trasverso dell’addome

Ha origine in più punti lungo tutto il busto, a partire dalle costole (ultime 6 cartilagini costali) continuando posteriormente sullla fascia toracolombare o lombodrosale, sulla cresta iliaca, dalla spina iliaca anterosuperiore e dalla metà laterale del legamento inguinale.

Si inserisce in molteplici punti dell’addome a partire, con la sua aponeurosi, nella parte alta della linea alba. Continua sulla parte interna delle ultime 6 costole, sulla cartilagine per precisione.

Nella sua parte inferiore l’aponeurosi del trasverso, come quella del muscolo obliquo interno, del tendine congiunto, che si inserisce al margine superiore del pube, al tubercolo pubico e al margine mediale della cresta pettinea.

Il trasverso dell’addome ha come funzione primaria il mantenimento della postura. Ma ha anche un ruolo prettamente estetico in quanto forma una guaina contenitiva per la pancia.

Concludo qui la breve descrizione dell’anatomia dei muscoli addominali, anche perché sono convinto che interessi relativamente a chi in realtà cerca soluzioni per allenare al meglio gli addominali e raggiungere l’estetica “tartaruga”.

Nella sezione Addominali potrai trovare le nozioni e tutti gli articoli con gli esercizi, su come allenare il retto addominale, gli addominali obliqui e il traverso e le indicazioni alimentari in merito.